S. Tonoli Adamo, L. Carbotta, L. Chasse, A. Quaranta, M. Yui: Disegnare l'aria

Il titolo di questo progetto espositivo, che verrà inaugurato mercoledì 25 ottobre alle 18.30 a blank, si riferisce a una pratica del disegno che rinuncia al supporto di un modello prescelto (qualcosa di 'reale', un oggetto tangibile), e si rivolge a un'immagine invisibile – o visibile soltanto all'autore, sospesa nell'aria – sfuggente, relativa a un'ente intangibile, ma altrettanto reale, attinente all'ambito percettivo, in senso ampio, di qualcuno. Ci sono molte possibilità, molte aree diverse a cui è possibile, per il disegnatore visionario (o delle visioni) attingere nella sua pratica, e ognuno degli artisti partecipanti alla mostra rappresenta bene una di queste aree, di queste possibilità.
Miki Yui già da molto tempo ha stabilito una sua modalità – piuttosto esistenziale che artistica in senso stretto - discontinua ancorché frequente, che consiste nel tentativo, rapido e spesso quasi febbrile (bisogna fare presto, l'immagine sta svanendo, come e perfino più velocemente di un raggio di sole che attraverso le imposte penetra in una casa) di trattenere frammenti dei suoi sogni, alcuni dei quali ricorrenti. Miki, subito al risveglio mattutino, spesso traccia su un suo libriccino destinato a questo compito immagini del sogno appena interrotto, le cui figure, colori, suoni e odori ancora aleggiano intorno a lei, per pochi secondi. Talvolta l'operazione si svolge dopo qualche tempo dal risveglio, è più accurata, il ricordo ancora persiste con nitidezza. Ma i disegni del risveglio devono essere fulminei, tanto forte era la percezione del sogno, quanto rapido è il suo dissolversi. E allora Miki si serve anche di parole, che sembrano poter meglio sintetizzare, a volte, un'immagine tanto forte quanto inafferrabile.
Anche ad Alessandro Quaranta è capitato di sentire il bisogno improvviso di disegnare, per trattenerla, un'immagine che ricorre nei suoi sogni. La scorsa estate ha provato più volte a raffigurarla, trovandosi per alcune settimane in un luogo a lui familiare dagli anni dell'infanzia. È l'immagine di una montagna che si vede dalle finestre di quella casa, ma nel sogno gli appare spesso, inspiegabilmente, da un altro punto di vista. E quella forma si manifesta sul foglio grazie al suo elaborato e insistito esercizio di scarabocchio.
Saverio Tonoli Adamo ricorre spesso a una pratica del disegno che è analoga a quella di Yui ma se ne differenzia per molti aspetti. Nella serie dei disegni fatti in spiaggia, d'estate, intorno a lui c'è una luce fortissima (sono spiagge italiane, o in Spagna), che parrebbe escludere ogni visione che non sia quella iperrealistica del paesaggio intorno a lui. Saverio fa uso di sassi che raccoglie sulla spiaggia, o sulla battigia, e della sabbia stessa, e di questi elementi tangibili del paesaggio si serve per istigare l'avverarsi di un'esperienza trascendente, dalla quale si materializzano disegni intensamente colorati (colori che forse Saverio non poteva vedere lì, in quei momenti) che sembrano suggerire forme incomprensibili, o inclassificabili, mentre l'unica testimonianza lasciata dalle pietre o dalla sabbia (questi 'catalizzatori della visione') è la loro assenza, o sparizione, che così le rappresenta.
Anche Loren Chasse fa i suoi disegni all'aperto, estemporaneamente, ed è un qualsiasi fenomeno reale (una forma, un suono, un effetto di luce o una qualsiasi situazione improvvisa e inattesa) a dare un impulso alla sua immaginazione, e il tentativo messo in atto è quello di rappresentare qualcosa che si manifesta improvviso e incontrollabile dentro di lui, quasi sincronico a quel fenomeno. Chasse tralascia spesso di completare il disegno, per lasciare spazio a ciò che non si può (o che è meglio non) rappresentare, o che si potrebbe bensì rappresentare soltanto ricorrendo a una finzione. Ciò che toglierebbe al disegno la sua energia vitale, e la sua capacità di trattenere una traccia plausibile del fenomeno (fuori/dentro di lui) senza pretendere di averlo catturato, proprio come una preda, ovvero uccidendolo. Nelle parole di Loren Chasse, il risultato di queste azioni, sempre molto rapide e impreparate, realizzate servendosi dei materiali a portata di mano in quel momento, nel momento in cui l'epifania ha luogo,“what I get is an apparition with but a small foot in this world”.
Sabato 4 novembre, dalle ore 21, avrà luogo a blank, in prima assoluta, un evento performativo ideato da Ludovica Carbotta all'interno di Monowe (nome di una città immaginaria progettata per una persona sola), un progetto che procede già da qualche tempo, continuamente evolvendosi, in una moltitudine di ambiti espressivi complementari fra loro. Si tratterà di un’intrusione nello spazio della mostra da parte di un personaggio la cui esistenza si può considerare pertinente ad un'area incerta della realtà, sconfinante nell'immaginario [v. anche QUI].

artista/i: 
Saverio Tonoli Adamo
artista/i: 
Ludovica Carbotta
artista/i: 
Loren Chasse
artista/i: 
Alessandro Quaranta
artista/i: 
Miki Yui
date: 
25 10 17 - 7 12 17
Luogo: 
blank, via Reggio 27, Torino
Realizzazione curata da: 
Carlo Fossati per e/static
Inaugurazione: 
mercoledì 25 ottobre dalle 18.30 alle 20.30; evento Monowe sabato 4 novembre dalle 21 alle 23.30
Giorni e orari di apertura: 
dal giovedì al sabato, dalle 16 alle 19.30; oppure su appuntamento
Info: 

011235140 estatic.it

AllegatoDimensione
autori di Disegnare l'aria.pdf37.66 KB